TITY.jpg (7413 byte)
   

E sarebbe

una novitÓ?

   
ROBIN.jpg (13238 byte)
         
Pezzato: l'unica maturitÓ di Casini Ŕ quella anagrafica.
Guerra, proprio non ci siamo
  

 

3 marzo 2008

Proprio non ci siamo.

Spendere pagine di indici puntati contro le forze politiche a trecentosessanta gradi, e poi chiudere dicendo che Casini sarebbe portatore di un segnale di maturitÓ Ŕ davvero comico. L’unica maturitÓ visibile nel leader dell’Udc Ŕ quella anagrafica.

“Finalmente c’Ŕ chi ha imparato a rischiare, a cercare l’egemonia non attraverso alleanze salde e sicure prime del voto ma deboli e inconcludenti dopo”, dice Guerra, forse dimenticando che fino a l’altro ieri Casini andava a braccetto con Berlusconi, o meglio lo accompagnava portandogli il cappotto. E poi quale egemonia? Questo termine racchiude la distorsione di comprensione delle relazioni politiche che alcuni dimostrano.

La partecipazione politica non Ŕ ricerca dell’egemonia, quella Ŕ azione tipica di chi vuole imporre ad altri il proprio pensiero, di chi Ŕ abituato a ritenere che un pensiero diverso dal proprio sia un pensiero sbagliato. Politica Ŕ trovare il modo con cui il pensiero di ognuno possa essere rappresentato e tutelato. Forse un breve ripasso dell’abc democratico tornerebbe utile, magari d’estate sotto l’ombrellone.
“Finalmente ci si presenta alle elezioni con una idea”, su questo punto mi rendo disponibile a sedermi ed ascoltare qualcuno che mi spieghi quale sia, promettendo di non interrompere. E questo non vale solo per Casini, purtroppo, ma anche per gli altri candidati Premier.

Stiamo assistendo all’ennesima farsa, ormai tutti gli italiani con un intelletto funzionante l’hanno capito, continuare a difendere per cieca obbedienza l’operato del partito cui si fa riferimento Ŕ quantomeno anacronistico, un noioso film giÓ visto, e raccontandolo ad altri non rimane –alla fine- che ringraziare per l’attenzione ottenuta da un pubblico che avrebbe preferito ascoltare altro.

Lorenzo Pezzato