TIT.jpg (16363 byte)
 
ROBIN.jpg (13238 byte)
   
Mercoledì
27 agosto
2008

 

Filiera corta anche al mercato di Roncade?

Pezzato: "Si segua la scia delle proposte di Conegliano"
Riservare ai coltivatori degli spazi per la vendita diretta di prodotti ortofrutticoli veneti
  
A Conegliano si punta ad accorciare la filiera all’interno del Mercato settimanale.
Il Consigliere Gabriella Zanella ha presentato l’interpellanza il cui testo è di seguito, e che rappresenta un modello interessantissimo per abbattere i passaggi di mano dei prodotti e quindi i prezzi, per valorizzare i prodotti locali di stagione e per contribuire a ridurre gli spostamenti delle merci ed il relativo inquinamento indotto.
<<Interpellanza in merito all’applicazione in ambito comunale della Legge Regionale n.7 del 25 Luglio 2008

CONSIDERATO

CHE con Decreto 20/11/07 il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali disponeva in ordine all’art. 1 comma 1065 della Legge Finanziaria 2007, sui mercati riservati all’esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli;

CHE con Legge Regionale 25 luglio 2008, n° 7 la Regione Veneto ha emanato “norme per sostenere il consumo dei prodotti agricoli di origine regionale”;

CHE la materia che le citate disposizioni intendono regolamentare ha riflessi positivi importanti sulle sempre minori capacità di spesa dei cittadini, favorendo la c.d “filiera corta” e cioè la riduzione della distanza tra chi produce e chi consuma abbattendo i ricarichi di prezzo praticati ad ogni passaggio; oltre che la riduzione del trasporto di merci e del connesso impatto ambientale;

CHE tali circostanze sono state recentemente oggetto di preoccupata attenzione da parte di Bankitalia, dell’Antitrust e della Coldiretti, secondo uno studio della quale “le distorsioni presenti nel settore ortofrutta, evidenziate da Bankitalia, "sono alla base di ricarichi ingiustificati che stanno provocando una riduzione dei consumi con cali del 2,6% per la frutta e dello 0,8% per le verdure";

CHE le normative citate attribuiscono ruolo un fondamentale ai Comuni in ordine, in particolare, agli spazi da riservare agli imprenditori agricoli per la vendita diretta; all’informazione verso i cittadini consumatori riguardo all’origine ed alla specificità dei prodotti agricoli regionali oggetto di tale vendita; ai controlli, attraverso anche l’istituzione di appositi punti d’intervento nell’ambito degli organi di polizia amministrativa, ecc.;

Il sottoscritto Consigliere chiede

Quali provvedimenti concreti la Giunta intenda attuare in relazione al mercato settimanale cittadino, al fine di raggiungere la quota del 20% di posteggi che la legge dispone di riservare alla vendita diretta di prodotti agricoli veneti

Se la Giunta abbia già considerato soluzioni, tempi e relative ubicazioni per la realizzazione di farmer markets e di mercati agricoli locali riservati ai soli imprenditori agricoli e quali azioni intenda promuovere per fornire adeguata informazione ai cittadini consumatori così come prevista dalle normative citate in premessa

Con quali modalità organizzative la Giunta intenda assolvere il gravoso compito di controllo per l’accertamento delle infrazioni alle disposizioni della citata legge>>

Sarebbe utile che l’Amministrazione Comunale di Roncade si muovesse per dare seguito all’ottimo proposito.

Lorenzo Pezzato
www.lorenzopezzato.it