TITY.jpg (7413 byte)
   

Progetti si

ma concreti

   
PENS.jpg (7425 byte)
         
I candidati alle prossime elezioni a Roncade presentino con largo anticipo una lista dei loro progetti.
No a campagne elettorali costruite su scambi e compromessi
  

 

24 gennaio 2008

Mancano pochi mesi alla scadenza del mandato dell’attuale Giunta, e a giudicare dagli ultimi interventi su roncade.it e da ci˛ che si sente dire in giro pare che la politica stia scaldando i motori in vista della campagna elettorale. Naturalmente con i modi cui ci ha abituati negli ultimi tempi, ovvero la piena conflittualitÓ, con buona pace di chi riteneva che le grandi aggregazioni in corso di costruzione a livello nazionale avrebbero portato pi¨ armonia. Ormai Ŕ chiaro che un’eventuale convergenza su riforme e legge elettorale sarÓ il frutto di una partita di scambio, non di una raziocinante riflessione sullo stato del Paese.

Ho avuto recentemente occasione di visitare H-Farm, incubatore di aziende all’avanguardia immerso in quella che viene chiamata CÓ Tron Valley, un meraviglioso rustico restaurato in cui sono stati radunati cervelli e competenze per sviluppare prodotti e servizi ad alta tecnologia ed ad alto contenuto creativo. Intorno solo natura praticamente incontaminata.

Per andare al sodo, pur di orientare il futuro di Roncade verso quel tipo di sviluppo non ci sarebbe nulla di scandaloso nel partecipare a sedute del consiglio che durassero anche fino alle tre della mattina, Natale e ultimo dell’anno compresi.
╚ scandaloso invece che si stia perdendo l’opportunitÓ di collaborare per pianificare il futuro di questo comune che –lo ripeto per l’ennesima volta- ha un potenziale enorme, ha tutte le carte in regola per dimostrare che esistono alternative praticabili e redditizie agli outlet e agli insediamenti industriali.

Nella mia visita ad H-Farm sono stato accompagnato da un amico che viene da fuori, il quale Ŕ rimasto assolutamente meravigliato mentre percorrevamo le strade che si snodano tra i vigneti di CÓ Tron, meravigliato che nel Veneto iperindustrializzato potessero essere sopravvissuti tanti ettari di ambiente integro. Poi l’ho portato ancora un po’ in giro per il territorio del nostro comune, per mostrargli quanto in realtÓ non si trattasse solo di un’oasi felice in mezzo al cemento. Questa Ŕ una reazione normale di molte delle persone che vengono a trovarmi, e penso sia pi¨ che giustificata.

Per le prossime elezioni non si facciano comizi o campagna elettorale, si sfruttino il tempo e le risorse economiche per stilare dei progetti concreti che contengano le idee per lo sviluppo di Roncade nei prossimi dieci anni, poi si presentino ai cittadini –con congruo anticipo- le diverse proposte che dovranno elencare azioni concrete, non linee di indirizzo teoriche.

Servizi, alta tecnologia, turismo ecologico ed enogastronomico, rispetto e valorizzazione dell’ambiente e del territorio, agricoltura d’eccellenza e cultura. Non credo serva altro.
Chiaro che avere un inceneritore a una manciata di chilometri di distanza, vanificherebbe tutto.

Lorenzo Pezzato