TITY.jpg (7413 byte)
   

Non ce l'ho

con l'Acer

   
OUTLET.jpg (15411 byte)
         
Pavan corregge il senso del suo intervento:
"Era rivolto a tutto il mondo del commercio che troppo spesso è paralizzato dalle proprie paure"
  

 

13 marzo 2008

Credo opportuno precisare il senso del mio intervento, riportato dalla stampa (vedi sotto) in questi giorni. E con precisione nel punto in cui invito a mettere in campo stategie adeguate a cogliere le opportunità che l'outlet può dare al territorio.
Non mi sono mai rivolto all'ACER, ma bensi' a tutto il mondo del commercio, che troppo spesso vive di paure senza tirar fuori le grande potenzialità che sono proprie di ogni commerciante.

il ragionare di outlet ci ha fatto perdere di vista che i nostri centri, sono già, spesso, dei centri commerciali. Ed è di questi che ci dovremo preoccupare. Nei nostri centri il vero padrone è il cliente, è qui che ognuno si sente, perchè lo è veramente, a casa sua.
Il far ritornare le nostre piazze luogo di confronto, punto di aggregazione, il luogo del non far niente, questo dovrebbe essere il vero problema di ogni commerciante.

Il confronto sereno, al di là di ogni polemica, ci farà veramente crescere, e permetterà al piccolo commercio di continuare a svolgere l'importante ruolo che ha sempre avuto.

Francesco Pavan


Da: "Il Gazzettino di Treviso", 11 marzo 2008

La risposta della giunta alle polemiche sull'outlet: «Commercianti, sfruttiamo questa opportunità»

"Commercianti, sfruttiamo l'opportunità Outlet". E' questo l'invito dell'amministrazione civica all'Acer affinché non perda altro tempo e approfitti della disponibilità del Comune ad innovare e rinnovare il centro commerciale e storico di Roncade . Cesare Miotto, assessore al Bilancio e al commercio, risponde all'associazione degli esercenti roncade si.
«Capisco che si sentano già in campagna elettorale, ma non mi sembra il caso di dire falsità dichiarando di essere rimasti inascoltati dall'amministrazione. La verità è che la riunione prevista il 26 marzo cui accenna il presidente dell'Acer, Riccardo Furlanetto, è stata fissata già dal 25 febbraio, ma avrebbe potuto convocarla lui stesso, membro di consulta alle Attività Produttive. Furlanetto sa bene inoltre che rappresentanti dell'Acer sono stati invitati a Venezia, alla presentazione del progetto del Roncade Outlet Gallery e alla visita dell'outlet di Barberino al Mugello. Per cui era a perfetta conoscenza di ciò che stava succedendo. In questi mesi si sono tenuti numerosi incontri su svariati argomenti che riguardano principalmente il capoluogo (progettazione centro storico, sistemazione del mercato, ecc.) - ricorda Miotto - Abbiamo sempre ascoltato l'associazione, l'abbiamo sostenuta e anche finanziata, nonostante sia di orientamento non proprio vicino a quello dell'amministrazione. Ma è chiaro che l'ascolto comporta una disponibilità e una valutazione delle tematiche presentate, non l'attuazione forzata di tutte le proposte fatte. Mi pare oltretutto che, negli ultimi tempi, i commercianti dell'Acer fossero però più preoccupati dell'esito diverso che avrebbe potuto avere la questione outlet. Temevano la realizzazione di un centro commerciale, ma l'ipotesi è caduta. Perciò non capisco in concreto cosa vogliano o quali siano le loro proposte».

Altre considerazioni arrivano da Francesco Pavan, vicepresidente della consulta alle Attività Produttive. «L'unica mia preoccupazione - dichiara - è che siamo in forte ritardo sulle iniziative che potremmo attuare per sfruttare al meglio le opportunità che ci darà l'outlet. L'Acer non si è ancora attivata per mettere in campo le strategie necessarie. Parte degli oneri di urbanizzazione che il gruppo Basso dovrà versare al Comune potrebbero essere sfruttati per rinnovare ed innovare. Abbiamo già la disponibilità dell'amministrazione, approfittiamone per tempo».


Da: "La Tribuna di Treviso", 11 marzo 2008

Piccoli negozianti contro Outlet Gallery

RONCADE. Commercianti sul piede di guerra a Roncade. Uno dei più agguerriti è Renato Pravato, ex consigliere comunale che gestisce assieme alla moglie un negozio del centro, che intende procedere ad una raccolta di firme contro l’outlet previsto in località Tombotti. Pravato non ha gradito le affermazioni dell’assessore al bilancio Miotto, il quale ha definito l’outlet come un’opportunità per Roncade. «Peccato che finora nessuno ci abbia dato una motivazione che dimostri come il commercio locale possa trarre vantaggio dall’outlet. L’assessore Miotto parla di una struttura simile a quella vista a Barberino del Mugello. Ci risulta invece che l’outlet realizzato in Toscana è opera della «Mc Arthur» che si occuperà anche di quello di Noventa di Piave». Per l’ex consigliere comunale l’outlet segnerà la fine del piccolo commercio roncadese: «All’interno dell’outlet sono previsti decine di negozi ma anche punti di ristoro, bar, gelaterie, edicole, albergo. A questo punto chiedo qspingerà la gente fino al centro di Roncade?». Pravato non dimentica il problema legato alla viabilità. «Di viabilità non ha mai parlato nessuno» conclude. A Francesco Lorenzon del direttivo del’Acer e commerciante di via Roma non sono piaciute le dichiarazioni di Francesco Pavan vice presidente della consulta alle attività produttive che ha accusato i commercianti roncadesi di fare solo polemiche. «Non siamo d’accordo - puntualizza Lorenzon - siamo sempre attenti, partecipi e propositivi sui diversi temi che interessano la nostra città». (lo.ba.)