TIT.jpg (16363 byte)
 
ACQUA.jpg (9104 byte)
   
Lunedì
22 settembre
2008

 

Sindaco, promuovi l'acqua di rubinetto

Lorenzetto: "E' buonissima e costa 300 volte in meno della minerale"
Molti comuni trevigiani hanno già aderito alla campagna. Gli interventi educativi antispreco inizino dalle scuole, la nostra acqua è controllatissima
  
Carissimi,

mi rivolgo a voi con un appello aperto a tutta la popolazione e all'Aministrazione comunale, in primis al Sindaco e all'assessore all'ambiente, per lanciare una campagna di sensibilizzazione all'uso dell'acqua di rubinetto.

Agli amministartori faccio notare, cosa che certamente conosceranno già, che hanno aderito con delibera a questa iniziativa diversi comuni della provincia di Treviso e che vede il patrocinio della stessa.

Il problema oramai scandaloso vede il costo di un litro e mezzo per bottiglia di acqua minerale confezionata costare almeno 300 volte di più della stessa consorella che possiamo mescere dal nostro rubinetto .
Tra l'altro io risiedo a Paese, ove si trova la mitica San Benedetto, che autorizzata, mi toglie l'acqua che sta sotto il mio giardino e guardacaso è la stessa che bevo dal mio rubinetto.
Sono fortunato perchè rispetto ad altri pago 300 volte in meno lo stesso prodotto.

Non voglio continuare poi nell'evidenziare tutti gli altri notevoli danni per l'ambiente costituiti dal vederci come primo paese europeo per consumi di acqua confezionata .

Il business è ottimo per chi lo crea e lo commercializza, certo, ma il dovere di una libera comunità è di opporsi anche e sopratutto eticamente, allo sfruttamento di un bene che deve rimanere gestione del pubblico.

Proprio a Roncade da molti anni esiste un'azienda municipalizzata che eroga e lavora con questo "bene" in più comuni in consorzio. Sono certo che avremmo la possibilità di averli al nostro fianco in iniziative volte all'informazione sociale.
Mi onoro del fatto che mio padre fu per diversi anni amministratore di questo consorzio e perciò fin da piccolo conosco le difficoltà di visione "politica" e di "progettualità a lungo termine" degli amministratori che furono, ma che contribuirono allora ad avere oggi una moderna azienda con un acquedotto tra i più importanti di bacino .
Sono quindi sempre certo che l'acqua più controllata igienicamente sia proprio quella che esce dai nostri rubinetti.

Ma non finisce qui, occorre svolgere una educazione civica fin dai bambini delle elementari non solo sulla qualità dell'acqua pubblica, ma sulla gestione della stessa come risorsa per il domani, evitando inutili sprechi.
Sono certo che questa amministrazione non resterà sorda a questo appello, ma nemmeno quelle che potranno seguire, poichè il problema si fa sempre più rilevante e l'iniziativa potrebbe andare di pari passo con quella bella Giornata dedicata all'ambiente.

Per chi volesse esiste già pronta una bella mostra informativa e copiose informative sui siti www.acquaequa.org www.pacesviluppo.it www.civiltaacqua.org con dati alla mano che dimostrano l'effettiva validità dell'uso sensato dell'acqua .

In attesa di accoglimento ed interesse sul tema invio cordiali saluti

Alfonso Lorenzetto