TITY.jpg (7413 byte)
   

Non accetto

succedanei

   
ZERB.jpg (13597 byte)
         
Intervista al capogruppo di "Coerenti", Guido Zerbinati.
"Se Rubinato accettasse la candidatura a segretario del Pd non ne chiederei le dimissioni ma non sarebbe tollerabile qualcuno che operi al suo posto"
  

 

24 agosto 2007

"Se Rubinato vuole candidarsi alla segreteria regionale del Partito democratico è un suo diritto. Io non ne chiedo le dimissioni da sindaco ma, da cittadino, non accetto succedanei".
E' il punto di vista di Guido Zerbinati, consigliere comunale forzista e capogruppo di “Coerenti nel Cambiamento - Polo per Roncade”, relativamente all'ipotesi tutt'altro che remota di un'accettazione, da parte del sindaco di Roncade, della proposta formulata da vari esponenti della Margherita di correre per la guida del Pd veneto alle elezioni del 14 ottobre.

Dottor Zerbinati, per cominciare, che opinione ha, oggi, di Rubinato?
"E' una donna che dimostra di avere delle qualità e anche una grande fortuna, devo dire, perchè si è trovata a poter essere eletta al Parlamento in un momento in cui, per la prima volta nella storia repubblicana, la legge elettorale permetteva ai candidati di restarsene a casa in panciolle e senza spendere una lira. Per cui mi inchino anche alla sua fortuna".
Dote che non guasta mai...
"E' ovvio che una persona fortunata come lei, agguerrita e preparata, non può che rappresentare un'ottima candidatura per la segreteria del Pd, però..."
Però?
"Però per i cittadini di Roncade questo rischia di far diventare impossibile una situazione già di per sè problematica. A meno che i roncadesi siano contenti di avere un sindaco che un po' è a Roma e un po' chissà dove".
In sostanza, lei ritiene che per Rubinato il triplo incarico sarebbe impossibile?
"Impossibile perchè non è Superman. Ripeto, riconosco le capacità e le qualità ma non mi si venga a raccontare che per Roncade sia un privilegio, un vantaggio, avere un sindaco-senatore e adesso, addirittura, forse anche portatore di nuove responsabilità politiche di quel tipo".
Perchè parla di situazione problematica?
"Le opere pubbliche sono bloccate nel senso che siamo arrivati ad una banale manutenzione di quelle esistenti. Il Prg è saltato, il Pat non si sa cosa sia. Ci vengono propinate quattro fantasiose fiabe di ristrutturazione dei centri della città. Attendiamo l'epica svolta dell'Outlet ma non mi pare che questo coincida con i doveri di un'amministrazione attenta e presente tutti i giorni. Così significa vivacchiare".
Se Rubinato si candidasse e fosse eletta secondo lei c'è qualcuno che potrebbe reggere l'amministrazione in sua assenza?
"Mi dispiace per i collaboratori di giunta del sindaco ma non mi sembra che ad oggi si sia dimostrato qualcuno all'altezza. E non entro nel merito di 'altre' figure perchè scivoleremmo in una discussione che non mi piace anche se, devo dire, a Roncade condividiamo assolutamente tutti".
Sta parlando dell'ipertrofia del segretario?
"Esattamente"
Dunque una figura di spessore adeguato non ci sarebbe.
"Voglio essere chiaro: a me non interessa che ci sia una figura alternativa. Io non ho votato Rubinato ma sono un cittadino di Roncade che pretende di avere il sindaco. Non mi interessa se poi il sostituto sia adeguato o meno perchè io ho votato un sindaco e non un succedaneo".
Per capirci, se Rubinato accettasse la candidatura?
"Credo sarebbe onesto e serio, pur avendo il diritto di assumere certe responsabilità, rinunciare ad altre cariche, per correttezza nei confronti degli elettori. Ha certamente il diritto di chiudere qui il suo mandato di sindaco, possiamo anche andare ad elezioni anticipate, ma io non lo ritengo e non lo sento giusto.
E' per questo che non chiederò le sue dimissioni. Lascio alla sensibilità democratica del senatore la scelta. Ma non è accettabile qualcuno che in sua assenza ne faccia le veci".