TITY.jpg (7413 byte)
   

Titoli

fuorvianti

   
CIVICA.jpg (14755 byte)
         
Pezzato: il titolo del mio ultimo intervento non rispecchia il contenuto.
La civica pro Rubinato è un'idea che non ho mai avuto

 

24 agosto 2007

Nel nostro paese è molto diffusa la cattiva abitudine di leggere i titoli dei quotidiani e pensare di aver letto l’intero articolo.

Temo che, rispetto al mio ultimo, possa essersi ricreato questo cortocircuito, ed infatti ho chiesto al Direttore di roncade.it di cambiarlo, dato che poteva risultare fuorviante. Per chiarezza è bene dire che la titolazione –in questo caso- è compito del Direttore stesso e non dell’autore, almeno nel mio caso.

Per togliere dubbi a quanti potrebbero rischiare di non dormire la notte a causa di una fantomatica lista civica filogovernativa, sono costretto – cosa peraltro di pessimo gusto - a citare me stesso e a dare conseguente specificazione di quanto sostenuto. Non tanto per insegnare qualcosa a qualcuno, quanto per amor del comprendersi a fondo.
<< Sappiamo tutti – e meglio degli altri chi dice di avere acquisito una certa esperienza in merito- che costruire una lista civica senza l’appoggio partitico è impresa ardua e faticosa…>> questo passaggio – da tenere come premessa - non credo abbia bisogno di alcuna spiegazione, essendo una semplice constatazione personale.

Poteva essere invece facile prendere un granchio (ma ci voleva un po’ di intenzionalità) nel passaggio << …pubblicamente oggi dichiaro di lavorare per costruire un consenso ed una compagine che possa sostenere il Sindaco Rubinato alla prossima tornata elettorale, a patto avvenga la radicale sostituzione di quanti non hanno capacità, non hanno visione del futuro, scommettono sul cemento e sulle autostrade come volano per lo sviluppo, sono privi di etica politica, hanno alle spalle decenni di concrezioni tra fondoschiena e seggiola in Consiglio, sono completamente avulsi dal sentire contemporaneo, progettano senza capire il senso del progetto, parlano senza avere i requisiti di competenza e credibilità, si nutrono di una linfa fatta di voti affidati per conoscenza più che per merito.
Se questo proposito dovesse naufragare, allora la lista civica indipendente rimane l’alternativa.>>

Facciamo un’analisi del significato delle parole, perché le parole hanno un significato, e delle frasi, molto sintetico e senza funambolismi semantici o sintattici.
Compagine non è affatto sinonimo di lista civica, significa infatti “congiungimento di più parti strettamente connesse tra loro” (IL nuovo Etimologico, Zanichelli), ed è esattamente in questo senso che era stato usato. Alle parti strettamente connesse (ad esempio, per aderenza ad un certo programma politico) manca un elemento per poter collaborare pienamente, elemento che è appunto il famoso coagulante. Un coagulante potrebbe benissimo essere una persona, anche se è stata espressione –come Sindaco- di altre forze che prima ne sostenevano l’azione. D’altronde, se non fossero stati esattamente questi i concetti voluti esprimere, si sarebbe davvero capitati in un singolare caso di lista civica filogovernativa, una specie di ossimoro.

E poi era chiaramente specificato poco dopo, dove si diceva che il naufragare di questa opportunità lascerebbe come alternativa la costituzione di una lista civica indipendente.
Qualunque altra considerazione ricavata dallo stesso testo è frutto della arbitraria interpretazione, legittima come sempre.
Per quanto riguarda i continui inviti a confrontarmi con il Sindaco sul programma, li trovo fuori luogo non essendo candidato a fare il Sindaco.

Con buona volontà cerco di trovare il tempo di partecipare –secondo le mie forze ed i miei eventuali talenti- alla vita di questo Comune che molto affettuosamente ha accolto me e la mia famiglia, e cerco di farlo esprimendo liberamente le mie posizioni su ogni argomento susciti il mio interesse. Altro non c’è.

Saluti

Lorenzo Pezzato