TITY.jpg (7413 byte)
   

Permette

madama?

   
LEGA.jpg (17043 byte)
         
Criminali, indulto, finanziaria e Pacs.
Ma Cenerentola fugge nel virtuale
  

 

3 febbraio 2007

Gli zotici della Lega Nord a Rubinato

Politici della Lega Nord offensivi, poveri di argomentazioni, degli zotici insomma, è il giudizio che la Sindachessa di Roncade esprime dopo la fiaccolata che la Lega Nord ha promosso a Roncade.

Questo è quanto si legge nel sito “Roncade.it”. dove la Signora risponde alle “stimolazioni” del direttore del sito, questa volta, affabilmente e in forma diretta e pensare che solo alcuni mesi fa se gli si chiedeva cosa ne pensasse del sito in questione rispondeva che non meritava commenti…sic.

In effetti questa è la tecnica più felice della first Lady di Roncade. In poche parole, “usa e getta”, senza nessun rimpianto.
Quella sera a Roncade era stata giustamente accusata di mentire politicamente sull’indulto, e sulla finanziaria voluta da Prodi avendo premurosamente dichiarato: a Roncade, nel 2006 nessuna rapina, glissando furbescamente sui furti. Grazie a Dio, rapine in effetti non ci sono state, la rapina è un fatto gravissimo che sfocia molto spesso in omicidio, ma la delinquenza non si esaurisce con le rapine, ne le rapine sono il termometro per misurare il disagio e l’insicurezza crescente nei nostri territori.
Andiamo a contare i furti, di piccola, di media e di grossa entità regolarmente denunciati e a questi aggiungiamo tutti quei furti che oggi, grazie allo scoraggiamento, la gente non denuncia più, tanto è inutile.
Andiamo a contare quanti scarcerati con l’indulto, per reiterati atti contro la legge, sono rientrati in carcere.

In più occasioni la Sindachessa ha chiarito che l’indulto, da Lei votato, non è l’ideale ma rimaneva l’unica soluzione possibile contro l’affollamento. Ammirate la logica: aumentano i delinquenti, le carceri, che probabilmente qualcuno vorrebbe come serene località di villeggiatura, per il troppo affollamento si impediva agli ospiti di gustare in sacrosanta intimità le trasmissioni come il “grande fratello” o “san remo” e quindi, risoluzione intelligente… liberiamo i delinquenti…
E poi secondo la gentil Signora, sono quelli della Lega Nord che incautamente hanno offeso le forze dell’ordine! Crediamo che liberare i detenuti per i quali le nostre le nostre Forze dell’Ordine nell’acciuffarli hanno spesso rischiato la vita sia questa la vera offesa morale.
Quanti di questi loschi individui liberati con l’indulto sono Extracomunitari? Senza permessi di soggiorno, girovaghi impenitenti delle nostre contrade, prede inevitabili delle organizzazioni criminose.

Non vogliamo infierire sulla Finanziaria, è troppo facile smascherare i lacci che prenderanno per il collo proprio i ceti più deboli.
Oramai anche se tardi purtroppo, tutta l’Italia ha finalmente aperto gli occhi, ma il Sindaco Senatore continua devota la propria “Mission” in favore di Prodi.
Lei, che accusa chi in politica al confronto sulle idee antepone la visibilità personale e i giochi di potere, giusto! E’ Lei che in campagna elettorale alla domenica si beccava anche due S. Messe, tra (Roncade, San Cipriano e Musestre) e questo la dice lunga sull’argomento, dovrebbe pronunciarsi anche sul tipo di Famiglia che oggi, chi ci comanda, vorrebbe appiopparci. La santa madre chiesa che così assiduamente Lei frequenta sappiamo benissimo come la pensa, un po’ di coerenza non guasterebbe.

Ritornando alla situazione roncadese e, a proposito, lo stipendio signor Sindaco, forse ci è sfuggito qualche passaggio, quale opera di carità va a beneficiare?... In effetti, tra Avvocato, Sindaco, Senatore, interventi nelle emittenti locali, responsabile della Margherita trevigiana, il tempo a disposizione per fare il Sindaco e onorare lo stipendio non è molto. Per esempio, quando è stata inaugurata la nuova biblioteca, il tempo era talmente tiranno che non c’è stato neppure lo spazio per ringraziare la vecchia Amministrazione, che aveva realizzato quasi totalmente l’opera.

Oggi per fortuna nostra c’è il mondo virtuale e il Sindaco ne attinge a piene mani; quasi tutto dal giorno della sua elezione è un bellissimo e interessantissimo mondo virtuale.
Pianificazioni strategiche, tavoli di lavoro, conferenze, consulenze, programmi a lungo termine di ampio respiro, collaborazione aperta a tutti i cittadini, non bisogna assolutamente perdere “l’attimo fuggente”, ovviamente il suo.

Veramente, qualcuno nel frattempo, ha rinunciato di salire sulla carrozza di Cenerentola, pur avendone il diritto acquisito, vedi l’Assessore De Vidi, vedi il battagliero Paolo Gatto. Loro hanno capito tutto, quando scoccherà mezzanotte la carrozza, con bellissimi cavalli bianchi, adornata di ori e gemme preziose si trasformerà per incanto in un zucca trainata da piccoli, piccoli, piccoli topolini.
Il virtuale può fare anche di questi brutti scherzi.

Ossequi – gli zotici della Lega Nord –Liga Veneta di Roncade.


5 febbraio 2007

Gentile redazione,
sono costretto mio malgrado a intervenire, in risposta a quanto affermato dal Sindaco nel vostro sito,tirando in ballo la Lega Nord di cui ho l'onore di militare,con affermazioni del tutto faziose che non le fanno onore visto le cariche che ricopre la Sig.ra Rubinato.
Chiamando inopportunamente in causa la Lega in un contesto amministrativo,( parla del PAT) afferma cose del tutto infondate in merito al delicato tema della Sicurezza.

In occasione della fiaccolata che ho organizzato il 20 Gennaio scorso, cui Lei si riferisce nell'articolo, mai esponenti del nostro movimento hanno inteso offendere le forze dell'ordine, anzi a loro rinnovo a nome di tutto il movimento la stima e l'apprezzamento per il loro operato, nonostante una finanziaria che taglia loro risorse da parte del governo di cui la Senatrice ne fa parte.
Mai e poi mai,sono stati criticati i cittadini; la Lega è figlia del popolo non dei salotti.
Quella sera, sono state criticate anche pesantemente certe leggi vergognose, come l'indulto dal Sindaco votato, che ha contribuito in maniera evidente all'aumento della criminalità come testimoniano i dati forniti dalla Prefettura di Treviso, e apparsi in alcuni quotidiani in questi giorni. L'amore per il proprio popolo è per noi un valore che va al di sopra di certe affermazioni e di tante meschinità che il nostro movimento ha subito e continua a subire.

Credo che tanti roncadesi e trevigiani avrebbero piacere di sapere come la pensa il Sindaco Rubinato, in tematiche di attualità, come Pacs, l’immigrazione, la politica estera
( vedi il caso della base americana a Vicenza), il federalismo, considerato che il Sindaco – Senatore, appartiene a un Governo che annovera tra le sue fila ex terroristi, no global alla Caruso, Comunisti, Cattolici....insomma il diavolo e l'acqua santa, e conseguentemente non può pretendere di avere un filo conduttore logico e costruttivo.
Siamo preoccupati inoltre, perchè l’Amministrazione roncadese continua a perdere pezzi per strada; infatti dopo le dimissioni dell'assessore De Vidi, non ancora sostituito, sono di questi giorni le dimissioni del consigliere di maggioranza Gatto, abilmente motivate da incompatibilità con la sua professione di geometra, ma quasi certamente nascondono in realtà grosse lacerazioni di questa Amministrazione su opere importanti che coinvolgono molti attori nel campo della calce e del cemento.

Senza dubbio seguiremo con interesse tutto ciò che rientra nel PAT, cercando di dare il nostro contributo alla comunità, nell’ottica dell’opposizione.
Ci preoccupa in effetti la recente tattica di coinvolgere le parti, quasi che la sede istituzionale del Consiglio Comunale diventasse solo il luogo dove porre il sigillo legale a cose decise in altri contesti, con pluralità di partecipanti rischiando che questa forma partecipativa scivoli nell’autarchia esagerata dimenticando le possibilità che l’Amministrazione Comunale possiede in termini economico-realizzativi, infatti l’Ente per forza di cose, deve procedere giorno dopo giorno operando nel quotidiano e in questi tempi, leggere il futuro, anche se ragionato e mediato è sempre una rischiosa impresa che entusiasma ma non si adatta a chiunque.

Cordiali saluti – Massimo Stocco – Segretario Circoscrizionale della Lega Nord