TITY.jpg (7413 byte)
   

Le palle

di Umberto

   
PROGETTO.jpg (12860 byte)
         
Progetto città insieme risponde alle accuse della Lega.
Il nostro sindaco molto ha fatto e molto farà
  

 

20 giugno 2007

"Da tempo la Lega Nord di Roncade attacca la persona del nostro Sindaco su ordine dei capi della Lega Nord di Treviso perchè dà loro fastidio".

Inizia così un foglio distribuito in questi giorni da "Progetto Città insieme" (Pci) con cui il gruppo politico replica a quanto sostiene l'ultimo numero del periodico leghista "L'Umberto" diffuso alcune settimane fa.

"A smontare le loro accuse - si legge ancora nella pubblicazione - basta raccontare i fatti".

Secondo quanto scrive l'organo di Pci, infatti, il sindaco a Roma avrebbe ottenuto "più autonomia per i nostri comuni con la possibilità per esempio di assumere personale", quindi "il versamento diretto dell'addizionale Irpef sui redditi del 2007 nelle casse dei nostri comuni" in modo che dal 2008 "tutti i soldi pagati dai roncadesi come addizionale Irpef resteranno a Roncade".

Rubinato, inoltre, avrebbe consentito l'introduzione di "un premio per i comuni che hanno rispettato il patto di stabilità nel 2006" ed "un contributo in finanziaria di 150 milioni di euro per gli anni 2007-2009 per completare alcune infrastrutture nel Veneto".

"Vi pare poco come risultati - si chiede Pci - dopo solo un anno di noviziato parlamentare? Avrebbero potuto dire altrettanto i parlamentari leghisti?"

Il foglio si spinge poi a proporre alcune controargomentazioni relative alle dimissioni presentate, nell'ultimo anno, da vari consiglieri ed assessori roncadesi.
Ivano Sartor e Renato Pravato, ricorda Pci, hanno lasciato i banchi consiliari per passare ad amministrare la Casa di riposo, mentre Paolo Gatto ha compiuto una scelta dettata da un conflitto tra la funzione di consigliere e la professione privata. Luciano De Vidi "ha motivato al sindaco le dimissioni - si legge - per spraggiunti impegni di lavoro e per i tempi più lunghi richiesti dalla concertazione" mentre Renzo Bettiol "ha dichiarato in Consiglio comunale di passare all'opposizione".

Ciononostante, prosegue il documento "la maggioranza di Pci è ancora ben solida ed impegnata al massimo per portare a termine il programma. I cittadini ne stanno vedendo i risultati ed ancor più li vedrano nei prossimi anni".