TITY.jpg (7413 byte)
   

Assi

dell'aria

   
SPAD1.jpg (14134 byte)
         
Quando uno Spad italiano costrinse un Phonix austriaco ad un atterraggio di fortuna
  

 

10 aprile 2006

DUELLO AEREO SOPRA RONCADE

Dalla rivista "Aerei nella Storia" n. 25 del 2002:

Ai primi di settembre 1918 Carlo Lamperti ricevette una nuova destinazione: fu assegnato alla 77a Squadriglia Caccia, la Squadriglia dal cuore rosso, così chiamata a motivo dei vistosi cuori rossi che i suoi aerei portavano sui due lati delle fusoliere.

La Squadriglia era comandata dal pluridecorato Capitano Filippo Serafini, con 4 vittorie aeree all'attivo nella Grande Guerra: "gran signore, sempre elegantissimo, gentile con tutti", come riferì Francis Lombardi, un altro Asso della 77a Squadriglia (8 vittorie). Carlo arrivò a Marcon, base della Squadriglia, il 12 settembre 1918; gli ottimi piloti di questo reparto, tra i quali vi erano alcuni dei grandi Assi della caccia italiana, impiegavano uno dei migliori caccia del tempo, lo Spad SVII.

Per Carlo Lamperti, finalmente inserito in una Squadriglia operativa, si stava avvicinando il momento del battesimo del fuoco, che avvenne tre giorni dopo.

Alle prime luci del mattino di sabato 14 settembre 1918, la segnalazione da terra di un velivolo austriaco diede l'allarme al campo della 77a Squadriglia: una pattuglia di tre Spad decollò immediatamente (oggi si direbbe scramble) capopattuglia della quale era il Sottotenente Carlo Lamperti, con i Sergenti Bruno Albertazzi e Luigi Corti come gregari.

SPAD.jpg (55582 byte)

Pochi minuti dopo i tre caccia italiani intercettarono l'aereo austriaco; avvistato per primo da Lamperti, si trattava di un Phonix D.I, uno dei migliori caccia che equipaggiavano l'aviazione austroungarica. Il Phonix venne subito impegnato in combattimento da Lamperti, a 3.000 m. di quota, sulla verticale del castello di Biancade, presso Treviso.

Lo scontro fu storia di pochi minuti, grazie soprattutto alle ottime lezioni di acrobazia e di tiro in volo apprese dal capitano Gordesco alla scuola di Furbara. Carlo Lamperti le avrebbe benedette per tutta la vita perché gli permisero di uscire vincitore dal duello aereo.
Le ben aggiustate raffiche dello Spad di Lamperti centrarono al motore il Phonix D.I che, con l'elica in croce, fu costretto a compiere un atterraggio forzato oltre le linee italiane, presso Roncade, a sud-est di Treviso. Il pilota, un Korporal ungherese lievemente ferito, venne soccorso dagli arditi di un vicino reparto d'assalto e condotto ad un posto di medicazione. Lamperti e la sua pattuglia erano intanto atterrati a Marcon, da dove Carlo si affrettò a raggiungere il luogo dell'abbattimento per verificane personalmente i risultati.

(Si ringrazia Bruno Fanton per il prezioso contributo)