TITY.jpg (7413 byte)
   

Outlet?

vedremo...

   
OUTLET.jpg (15411 byte)
         
Il via libera si deve al sindaco precedente.
Comunque lo deciderà una conferenza dei servizi
  

Link correlati

Cos'è l'Outlet di Barberino di Mugello
Opinioni di cittadini
23 settembre 2006

COMUNICATO STAMPA

Polemiche strumentali e interessate, a Roncade nessun parco commerciale da 25 mila metri quadri

L’amministrazione comunale di Roncade non intende immischiarsi nella lotta tra giganti commerciali combattuta a colpi di ricorsi e sentenze. In merito all'articolo uscito oggi, sabato 23 settembre, su La Tribuna di Treviso precisa pertanto quanto segue:

Nella lottizzazione Fusana a ridosso della Treviso Mare le licenze commerciali, sette per medie strutture di vendita e una per grandi strutture di vendita, per complessivi 12.000 mq circa, sono state rilasciate prima dell'insediamento dell'attuale amministrazione. In ossequio alla legge regionale n. 15 del 13 agosto 2004, l'attuale amministrazione comunale ha dovuto quindi adottare una variante urbanistica di presa d'atto del parco commerciale esistente (già autorizzato ma non attivo perché i lavori non erano stati ultimati).
La porzione del parco commerciale interessata dalla richiesta di outlet è di circa 8 mila metri quadrati e quindi, in base agli strumenti urbanistici vigenti, non può certo raggiungere l'estensione di 25 mila metri quadrati, come provocatoriamente dichiarato alla stampa dall'amministratore delegato della Iper Gara srl Gino Gaion.
L'amministrazione di Roncade ha resistito in giudizio al ricorso al TAR della Iper Gara srl perchè ritiene corretta la procedura seguita dagli uffici comunali.

La proposta di factory outlet pervenuta all'amministrazione di Roncade sarà valutata da una Conferenza dei Servizi, a cui partecipano Provincia di Treviso, Regione Veneto e lo stesso Comune di Roncade, in cui si deciderà se respingerla o meno.
L'amministrazione comunale ritiene, anche dopo il confronto avuto con le rappresentanze dei commercianti locali e con l'Ascom di Treviso, preferibile per lo sviluppo locale l'outlet al parco commerciale, nel rispetto delle condizioni già espresse di investimenti a favore del territorio e a supporto anche delle attività commerciali locali. In tal senso confida nella disponibilità a collaborare dell'Ascom provinciale e delle associazioni locali.

Particolare attenzione l'amministrazione pone sul tema della viabilità, tanto che chiederà in conferenza di servizi precise garanzie alla società proponente, come la realizzazione di una pista ciclabile dal sottopasso presso la Treviso mare sino a Biancade.