TITY.jpg (7413 byte)
   

Pm10 da

record

   
PM10.jpg (9509 byte)
         
Polveri sottili a Roncade più che nel capoluogo.
Epicentro dei veleni in via Vivaldi
  

 

17 marzo 2006

COMUNICATO STAMPA

La giunta comunale chiede che venga abrogata la distinzione
tra Comuni in fascia A, B e C

Polveri sottili più elevate a Roncade che a Treviso

Polveri sottili: l’aria di Roncade è più inquinata di quella di Treviso. E la giunta comunale chiede l’abolizione della distinzione, anacronistica, tra Comuni di fascia A, B e C. «Il nostro Comune risulta inquinato tanto quanto, se non di più, di Treviso, Conegliano, Mogliano, Castelfranco e Montebelluna, ma i nostri cittadini non possono accedere agli incentivi previsti per gli abitanti dei Comuni di fascia A. Mi riferisco per esempio ai contributi per gli impianti a GPL delle auto o per l’acquisto di motorini o bici elettriche – afferma l’assessore all’Ambiente Guido Geromel - Provincia e Regione, che fin qui hanno fatto davvero poco per la tutela della nostra salute, dovrebbero abolire questa assurda discriminazione e investire più risorse e in modo più omogeneo su tutto il territorio di loro competenza».

La centralina mobile di Legambiente, che ha stazionato in via Vivaldi a Roncade dal 15 al 22 febbraio scorso, ha restituito agli amministratori comunali un dato preoccupante: la concentrazione atmosferica di polveri sottili, pericolose per la salute umana, non solo supera i valori di legge (il limite giornaliero è fissato dal DM 60/02 in 50 µg/mc da non superare per più di 35 volte l’anno) ma è addirittura superiore di un centro ben più grande come Treviso. Quattro giorni su sei, l’aria di Roncade è risultata pessima (valori maggiori di 100 µg/mc) o scadente (tra 50 e 100 µg/mc), gli altri giorni i valori si sono notevolmente abbassati perché ha piovuto.

«La rilevazione di Legambiente non ha valore ufficiale perché solo l’Arpav è autorizzata a ufficializzare questo tipo di dati – spiega Geromel – il dato tuttavia è reale, e ci conferma che ci vogliono interventi strutturali seri, programmati nel tempo e coordinati da parte della Regione, delle Province e dei Comuni per iniziare a risolvere il problema. Quanto messo in atto fin qui, il blocco totale del traffico su tutta la provincia del 26 marzo prossimo e il blocco delle no-kat da novembre, è solo un palliativo: può servire a sensibilizzare l’opinione pubblica ma non a ridurre l’inquinamento da polveri sottili. Mi auguro che con l’inizio della bella stagione e la naturale diminuzione delle polveri sottili, il problema PM10 e PM2,5 non passi nel dimenticatoio e prima del prossimo autunno i Tavoli Tecnici Zonali, coordinati dalla Provincia, siano in grado di pianificare una strategia di abbattimento dell’inquinamento davvero efficace».

 

UBICAZIONE

DATA

PM10 ug/mc 12h

PM10 ug/mc 24h

UBICAZIONE

DATA

PM10 ug/mc 24h

Roncade

15/02/06

132,20

132 

Treviso

15/02/06

109 

Roncade

16/02/06

147,28

 

Treviso

16/02/06

 

Roncade

16/02/06

107,97

128

Treviso

16/02/06

 98

Roncade

17/02/06

119,17

 

Treviso

17/02/06

 

Roncade

17/02/06

126,82

123

Treviso

17/02/06

 98

Roncade

18/02/06

81,93

 

Treviso

18/02/06

 

Roncade

18/02/06

78,04

80

Treviso

18/02/06

 54

Roncade

21/02/06

33,53

 

Treviso

21/02/06

 

Roncade

21/02/06

49,77

42

Treviso

21/02/06

30

Roncade

22/02/06

34,96

35

Treviso

22/02/06

24

Dati rilevati dalla centralina mobile di Legambiente sita in via Vivaldi a Roncade dal 15/02 al 22/02, confrontati con quelli rilevati dalla centralina Arpav a Treviso, in via Lancieri di Novara, nello stesso lasso di tempo