TITY.jpg (7413 byte)
   

Adsl

rischio caos

   
ADSL2.jpg (13903 byte)
         
Invito del Comitato di Biancade: non firmate per ora contratti con gestori sparsi.
La replica: Presidente, la concorrenza genera benefici e ciò' che crea confusione è il suo intervento
  

Per saperne di più

Cos'è Wi-Fi

24 agosto 2006

Il progetto per l’ADSL a Roncade ultimamente è circondato da ombre che non permettono di vederci molto chiaro.

Succede che il progetto avanza, ma si fa difficoltà a capire chi stia a cassetta e tenga strette le briglie. Una difficoltà che non dovrebbe esistere, dal momento che è inequivocabilmente l’Amministrazione Comunale il soggetto cui è delegato il compito di portare a termine con successo l’operazione. Almeno fino a prova contraria. Infatti gli assessori delegati si stanno adoperando perché la connessione sia disponibile per la cittadinanza quanto prima e con formula omogenea, anche attraverso la considerazione di sistemi alternativi al wi-fi.

Succede anche però che parallelamente a questo stiano circolando moduli di adesione all’erogazione del servizio da parte di aziende private che scavalcano la gestione comunale, generando la confusione e le ombre di cui si diceva.
In questa situazione il rischio è di trovarsi con più gestori in un territorio circoscritto, con tutti i fastidi del caso compresa l’installazione di antenne superflue e quant’altro.

Il Comitato dei Cittadini di Biancade ha supportato fin dall’inizio il progetto per l’ADSL e continuerà a farlo, ritenendolo servizio fondamentale per lo sviluppo e per l’accesso alle informazioni contenute nella rete, ma terrà una linea di ferma intransigenza nei confronti di chi volesse –per cavalcare propri interessi privati- mettere i bastoni tra le ruote all’operato dell’Amministrazione.

Invitiamo i cittadini a non sottoscrivere alcunché fin tanto non vi saranno precise indicazioni in merito da parte dell’Amministrazione stessa, che sollecitiamo ad aggiornare la popolazione con più puntualità e frequenza.

Il Presidente del Comitato Cittadini Biancade
Pezzato Lorenzo


26 agosto 2006

Gentilissimo Presidente,

ci riferiamo al suo intervento del 24 agosto 2006.

Pur rispettandolo, ci sentiamo di puntualizzare che a volte cercare a tutti i costi di farsi sentire senza sufficientemente approfondire l’argomento rischia veramente di creare confusione e falsi allarmismi.
Questo è quanto pensiamo Lei possa aver generato.

Ci permettiamo in breve di spiegare l’attuale situazione a Biancade:

·    La Telecom non intende per il momento adeguare la centrale telefonica, pertanto nessuna speranza per l’adsl via cavo.
·    Esiste il progetto, promosso anche dai sottoscritti fin da marzo, di creare un’infrastruttura che consenta il collegamento a banda larga alla rete tramite onde radio (Wi-Fi Wireless). A tale progetto sta lavorando, nella persona dell’assessore signor Miotto, l’Amministrazione Comunale, la quale, a tutt’oggi, non ci risulta abbia deciso quale sarà l’azienda privata da appoggiare (Micso o AscoTLC) per la realizzazione dell’impianto, e stabilito il termine in cui i cittadini ne potranno beneficiare. Auspichiamo a breve un intervento informativo da parte dell’assessore.
·    Per chi è impaziente o non può attendere, c’è l’alternativa di un’altra azienda privata (PopWiFi), la quale, autonomamente e sempre tramite Wi-Fi, attualmente offre la connessione a banda larga nel nostro territorio.
·    Non ci risultano ad oggi altre alternative per il collegamento veloce.

Questo in sintesi.

Tornando al suo intervento:

·    Non capiamo perchè criminalizzare, accusando di scavalcare l’Amministrazione Comunale, chi promuove l’unico servizio disponibile in paese. Preferirebbe fosse tenuto nascosto ai cittadini?
·    Non capiamo quando scrive: “cavalcare propri interessi privati”. Ci auguriamo non si riferisca a coloro che per esigenze professionali non intende più subire l’inefficienza causata dall’esclusione alla banda larga.
·    Non capiamo perché spaventarsi di fronte alla possibilità di avere due gestori quando il mercato insegna che la concorrenza genera (quasi sempre) la riduzione dei prezzi.
·    Non riusciamo ad immaginare quale possa essere la “ linea di ferma intransigenza nei confronti di chi” …..usufruisce o di chi eroga il servizio (non specifica). Forse intende far escludere Biancade dal decreto del 4 ottobre 2005 del ministero delle telecomunicazioni a riguardo la liberalizzazione del Wireless? Ci auguriamo non sia così.
·    Non capiamo a quali sistemi alternativi al Wi-Fi faccia riferimento. Forse intende la fibra ottica? Se fosse così, tenga presente che, dalle informazioni disponibili in rete, ci risulta che l’ultimo miglio sarebbe comunque servito dal Wi-Fi.

In conclusione, signor Presidente, ribadiamo che è il suo intervento che ha generato confusione e steso ombre.

I cittadini di Biancade:
                                        Marco Bettiol
                                        Ilario Camporeale


29 agosto 2006

La concorrenza fa piacere, naturalmente a patto sia effettiva e leale. Ma questo è tutt’altro discorso che in questa sede poco interessa, anche se fa specie sentirlo da chi –a suo dire- ha promosso e sta portando avanti il progetto per l’ADSL, l’unico sul nostro territorio. La concorrenza esiste solo se supportata dalla pluralità degli offerenti, e allora un unico progetto non pare incarni il concetto.

Ma andiamo oltre.Ciò che è interessante è vedere con quanta foga e dovizia di giustificazioni alcuni si difendano da un’indicazione puramente generica data dal Comitato, che non aveva come scopo quello di colpire qualcuno in particolare, solo di stimolare la chiarezza riguardo alla linea che si sta seguendo, perché è giusto che chi vuole aderire sappia i dettagli e i retroscena dell’operazione. Le nostre nonne, colme di saggezza popolare, dicevano: la gallina che canta ha fatto l’uovo.
Con la massima pacatezza decido di sorvolare e non ribattere a tutti i “non” apposti all’inizio delle considerazioni del signor Bettiol e del signor Camporeale, perché credo che con le negazioni non si faccia molta strada.

È preferibile incontrarsi, anche con i responsabili dell’Amministrazione, e chiarire propositivamente la vicenda.
Attendo una convocazione.
Saluti.

Il Presidente del Comitato Cittadini Biancade
Pezzato Lorenzo