TITY.jpg (7413 byte)
   

Elezioni

anticipate?

   
RUBSAR.jpg (16169 byte)
         
Sartor crea un nuovo gruppo e spacca la maggioranza.
Rubinato ai fuoriusciti: ripensateci, se si torna alle urne la colpa non sarà nostra
  

 

30 luglio 2005

Gruppo consiliare Progetto Città Insieme

COMUNICATO STAMPA

Rubinato: «Se ci sarà impedito di governare non sarà nostra la responsabilità di elezioni
anticipate»
SARTOR SPACCA LA MAGGIORANZA E FORMA UN NUOVO GRUPPO CONSILIARE

Cinque componenti del gruppo consiliare di maggioranza “Progetto Città Insieme” - l’ex sindaco Ivano Sartor, gli ex assessori Giacomo Buldo e Renzo Bettiol, i consiglieri Silvana Crozzolin e Paolo Gatto - hanno deciso di formare un gruppo autonomo “Roncade democratica” il quale – come si legge nella nota rivolta al sindaco Simonetta Rubinato dai fuoriusciti - «continua ad appartenere alla maggioranza che sostiene l’attuale amministrazione».

La comunicazione è stata letta dal Sindaco ieri, venerdì 29 luglio, in consiglio comunale.

«Questa scelta è in contrasto con l’accordo politico-programmatico sulla base del quale ho accettato di candidarmi, e cioè l’esistenza di un unico gruppo consiliare, unito e coeso, intento a lavorare senza distinzione di natura partitica o di gruppi, alfine di evitare i condizionamenti di un vecchio modo di fare politica - afferma Rubinato – Questa è una condizione irrinunciabile e non accetto sindaci-ombra. Si apre per ciò una fase di verifica con le forze politiche, con tutto il gruppo consiliare e con i cittadini che mi hanno eletto. Si dovranno recuperare ancora le condizioni per le quali ho accettato di candidarmi. Mi auguro che dopo un’attenta riflessione gli amici consiglieri rivedano la loro posizione. Né a me, né ai miei assessori né ai consiglieri rimasti del resto importa nulla della “carega”, siamo qua solo allo scopo di servire la comunità di Roncade. Pertanto il nostro unico obiettivo è realizzare il programma di governo sulla base del quale siamo stati eletti. Se questo ci sarà impedito, non sarà nostra la responsabilità di eventuali elezioni anticipate».

«Abbiamo sempre mantenuto un canale di confronto sulle scelte politico-amministrative con tutti i consiglieri di maggioranza - afferma il capogruppo Paolo Giacometti – Tanto che da gennaio ad oggi abbiamo fatto 15 riunioni del gruppo di maggioranza.»