TITY.jpg (7413 byte)
   

I danni

delle attese

   
POSTA.jpg (12897 byte)
         
Interrogazione informale per sapere se il sindaco ha in mente qualcosa per alleviare i disagi
  

 

7 giugno 2005

INTERROGAZIONE AL SINDACO A RISPOSTA SCRITTA

PREMESSO CHE

- Da vari mesi diversi cittadini, attraverso messaggi indirizzati a questa redazione, lamentano disfunzioni nel servizio postale, ritardi nel recapito della corrispondenza e, soprattutto, tempi di attesa troppo lunghi agli sportelli dell'ufficio di Roncade;

- Un recente studio dell'università di Padova, peraltro adottato per le proprie indagini di efficienza anche dall'azienda Usl n.9 di Treviso, quantifica in 15 euro il danno patito da ciascun utente in termini di mancato guadagno per ogni ora spesa nell'espletamento di funzioni agli sportelli;

- In certe ore del giorno, soprattutto in coincidenza di particolari scadenze, l'attesa media nella sede di Roncade per la fruizione dei servizi Banco Posta (pagamento bollettini, riscossione pensioni, depositi, etc) è ragionevolmente approssimabile in 30 minuti, e, cioè, secondo l'equazione sopra enunciata, corrispondente ad un danno individuale di 7,5 euro ogni volta che si entra negli uffici;

- Dei cinque sportelli a disposizione solo tre sono normalmente funzionanti;

- Il direttore, varie volte interrogato sulle ragioni dell'inerzia degli altri due, fornisce risposte collegate generalmente ad assenze per malattia, permessi e ferie;

- Da ciò è lecito dedurre un'ipotesi di sensibile sottodimensionamento dell'organico rispetto alla mole di servizi da fornire all'utenza;

- Il prolungamento dei tempi di attesa in occasione della contemporanea fornitura di servizi postali ad utenti che richiedano funzioni multiple (più bollettini da pagare, più pensioni da riscuotere) è tale da poter prefigurare, sia pur con un'interpretazione limite, ciò che nel codice penale viene indicato come interruzione di pubblico servizio;

LO SCRIVENTE CHIEDE

Se, ed eventualmente con quali strumenti, l'Amministrazione Comunale di Roncade intenda affrontare la questione ora esposta al fine di tutelare la cittadinanza da rischi di danni ingiusti dovuti ad attese eccessive nella sede dell'Ufficio Postale.

Con osservanza

Roncade.it

N.B.
Naturalmente questa è un'interrogazione che non ha valore non essendo presentata da un soggetto abilitato a farlo e nel luogo proprio, perciò il sindaco non è tenuto a considerarla e tantomeno a fornire una risposta in questa od in altre sedi.
Se non è troppo lavoro, però, con un lavoro di copia-incolla e ritocca, sarebbe bello se qualche consigliere comunale a corto di idee la facesse propria. Del resto basta passare un quarto d'ora in posta per sentire quanto la gente sopporti con difficoltà lo stato di cose.
Se il Comune si è mosso con la Telecom per velocizzare l'installazione delle linee Adsl, per analogia potrebbe forse esercitare una simile pressione sul gestore di strumenti di comunicazione ancora molto importanti per il nostro lavoro e la vita di tutti i giorni.