TITY.jpg (7413 byte)
   

I pasticci

del bilancio

   
POLO.jpg (11077 byte)
         
Un'analisi del Polo sui conti di previsione. Ci sono numeri che fanno dubitare, la giunta ha imposto la manovra senza confrontarsi con la maggioranza che per ora la sostiene
  

 

26 aprile 2005

TASSE E BILANCIO DEL CENTRO-SINISTRA

Il giorno 14.4.2005 la Maggioranza ha approvato il Bilancio di Previsione dopo 4 ore di dibattito a volte anche vivace e che ha evidenziato, finalmente apertamente, un marcato disagio all’interno della stessa Maggioranza (voto di astensione e dichiarazioni di chiari distinguo e forti rimproveri all’assenza di collegialità nelle decisioni (che in modo meno signorile ma più efficace è come dire: non va bene per la democrazia imporre le decisioni: si fa come dico io e basta !).

In sostanza, il Sindaco ha affermato che è stato deciso (ma pare di capire che è stato imposto) un aumento ICI al 7 x mille per soddisfare, sostanzialmente, la necessità di Sociale sentita come fondamentale da questa Maggioranza, e che questa decisione dolorosa (per i Cittadini) sia stata dettata da minori trasferimenti da parte dello Stato cattivo, da debito con l’ENEL (circa 140 mila euro), e da spese aumentate per il personale.

Condividiamo totalmente l’attenzione di questa Amministrazione al Sociale perché troppo spesso trascurata per rincorrere altre mete. I tempi e le trasformazioni sociali impongono una particolare ed efficace attenzione ai disagi, alle difficoltà emergenti. La nostra volontà di riconoscere al Sociale priorità su tutto è da sempre evidente.

Ma qui, ora, si tratta di valutare il significato politico di scelte economiche .
Allora facciamo due rapidi conti:

1.    i minori trasferimenti ad un attento esame si aggirano attorno ai 50 mila euro (ma per inciso si può anche aggiungere che la Maggioranza ha volutamente dimenticato che sta recuperando 1.365.000 di euro (che devono andare a finanziare le opere a bilancio) dall’alienazione di beni patrimoniali tra cui tutte le ex-case ATER che sono state regalate dallo STATO AL COMUNE DI RONCADE (lo Stato ha ridotto i trasferimenti in moneta ma ha regalato immobili che ora, grazie a chi ha acquistato le case, il Comune sta monetizzando!)
2.    le spese per il personale non sono sostanzialmente variate
3.    il debito con l’ENEL non esiste tecnicamente perché verrà spalmato in 5 anni con ritenuta alla fonte da parte dell’ENEL stessa che si tratterrà la quota parte dai trasferimenti al Comune
4.    Per il Sociale questa Maggioranza ha messo a bilancio 142 mila euro (cifra ed attenzione che condividiamo assolutamente!)

Da questi conti risulta che per soddisfare la Volontà della Maggioranza potrebbe essere necessario reperire 100 mila euro.

Veniamo alla nuova entrata ICI che si realizzerà con l’aumento dell’aliquota:

ENTRERANNO NELLE CASSE DEL COMUNE 620 MILA EURO
Allora sono necessarie alcune osservazioni:

1.    Per legge le entrate ICI debbono essere utilizzate solo a copertura di spese correnti (come ad esempio il Sociale) ma non le opere pubbliche (che devono trovare coperture con altre risorse): ma se l’importo previsto per il Sociale ammonta a 142 mila euro (e questo è la motivazione sostanziale all’aumento) dove sono finiti gli altri 478 mila euro?
2.    Perché mortificare le attività Produttive e Commerciali di Roncade in un momento congiunturale così difficile ?
3.    Perché la variazione dell’aliquota ICI è stata decisa dalla Giunta senza passare né per la Commissione competente né per il giudizio sovrano del Consiglio Comunale?
4.    sono state poste a bilancio opere per 4.900.000 euro che devono essere pagate con i 1.365.000 euro di alienazioni, con gli oneri di urbanizzazione (700.000 euro : in calo) e con i mutui. E per legge gli interessi di questi mutui devono essere pagati anche con le entrate ICI. E questo trend di accensione di mutui è ribadito nel 2006 e 2007.
5.    Allora ci chiediamo: con che cosa verranno pagati gli indebitamenti futuri previsti e progressivi (che devono essere pagati solo con entrate ICI , o trasferimenti dallo Stato e/o Regione od altre alienazioni) visto che:
-    i trasferimenti dallo Stato e Regione sono in calo,
-    che gli interessi crescono
-    che sono già spariti gli euro (ricordo 620 mila) recuperati con questa manovra ?

Ai cittadini la risposta.

QUESTA E’ LA LOGICA ECONOMICA DEL CENTRO-SINISTRA:
Il lupo cambia il pelo ma non il vizio

SEMPRE E SOLO PIU’ TASSE

Sartor ha elevato al massimo l’IRPEF

La Rubinato ha elevato al massimo l’ICI

GRUPPO CONSIGLIARE di OPPOSIZIONE
Coerenti nel Cambiamento-Polo per Roncade