TITY.jpg (7413 byte)
   

Colpito e

affondato

   
IAC.jpg (6265 byte)
         
Luigi Iacono non sarà più il segretario anche del Comune di Casier.
Rubinato non se l'è sentita di proporre al consiglio il rinnovo della convenzione.
E' il primo siluro della banda Erredi
  

 

11 agosto 2005

E uno.

La prima bordata della banda Erredi è per il segretario, Luigi Iacono, il quale, trascorsi i dodici mesi pattuiti da una convenzione passata a musi lunghi lo scorso anno, non sarà più anche il segretario a scavalco del Comune di Casier.
Il rinnovo dell'intesa, che sarebbe dovuto passare al vaglio dell'assemblea, è una proposta che il sindaco, Simonetta Rubinato, non ha voluto arrischiare, memore del fatto che nel luglio del 2004 ad astenersi e ad incrinare già dagli albori la compattezza della maggioranza, furono proprio tre dei cinque parascissionisti di Rd, cioè Giacomo Buldo, Renzo Bettiol e Silvana Crozzolin. Un quarto astensionista fu, per la crocaca, il diessino Giorgio Libanore.

Il "fumus" che inquinò l'operazione da subito fu l'aver individuato nell'aprire la strada al raddoppio dell'incarico di Iacono una specie di privilegio "ad personam", dato che, in questo modo, pur con tutte le dimostrazioni possibili sul risparmio che l'accordo avrebbe fatto conseguire alle casse comunali - oggi pare vicino ai 30 mila euro - lo stipendio dell'interessato sarebbe stato comunque ben più rimpolpato. Questo proprio mentre, estromessi dalla giunta Buldo e Bettiol, contestualmente il sindaco proponeva ai consiglieri di accettare alcune deleghe per amor di patria, cioè a costo zero.

Ovvio che alla prima occasione - cioè nella conferenza stampa di presentazione di Rd - il peccato di gioventù di Rubinato sia stato riportato a galla ed è altrettanto automatico ritenere che questo sia il preambolo di qualche altra polpetta, se non avvelenata, almeno tossica.

Le prossime imboscate che attendono il sindaco, è lecito supporre, riguarderanno probabilmente la gestione della Casa di Riposo e il rimescolamento dell'organico di via Roma.
Nel primo caso, per restare in piedi, Rubinato dovrà in qualche modo ricambiare con adeguate seggiole nel Cda la corsia preferenziale assegnata ad uno dei suoi più cari portatori d'acqua, stiamo parlando di Antonella Bettiol, nell'esecutivo di Sile-Piave Spa.
Nel secondo la guerra sarà su quella figura di "superconsulente" esterno pescata dal cilindro per rinfrescare posizioni e mansioni dei dipendenti del Municipio.
A fine anno, poi, si parlerà di bilancio e, inevitabilmente, tornerà fuori la patata dell'Ici per le seconde case fatto lievitare per rimpinguare dei conti anoressici.

"A giudizio della sottoscritta - scrive Rubinato come risposta al sindaco di Casier che le chiedeva la reiterazione dei servigi di Iacono - l'esperienza dell'ufficio unico di segreteria di quest'anno è stata molto positiva, dimostrando l'utilità di servizio, sia per la professionalità e disponibilità del Segretario, sia per il proficuo scambio di collaborazione tra gli enti, sia per il risparmio di spesa conseguito. Mi auguro, pertanto, che in futuro si possa riprendere questa collaborazione istituzionale".