TITO2.jpg (4360 bytes)
   

Breda si

spiega

   
GIUSTIZ.jpg (11706 bytes)
         
Perchè ho chiuso con Sartor

Il sindaco: sono solo futili motivi

  

 

31 ottobre 2003

Il difensore civico dimissionario, Livio Breda, si sarebbe "inventato una passeggera burrasca" e i motivi alla base del suo abbandono sarebbero perciò "futili".

Lo sostiene il sindaco di Roncade, Ivano Sartor, il quale torna sulla questione già sviluppata da Roncade.it lo scorso 15 ottobre inviando alla stampa un comunicato nel quale replica ai rilievi mossi da Breda all'amministrazione comunale. "Non abbiamo mai operato contro il ruolo di difensore civico - scrive Sartor - anzi, abbiamo messo a sua disposizione un ufficio e del personale".

Se la causa è la mancata pubblicazione nell'ultimo notiziario del Comune di un articolo scritto dallo stesso Breda, in sostanza, per Sartor questo non fa che confermare l'inconsistenza delle ragioni che hanno portato il Difensore civico a dimettersi.

Di parere diverso, ovviamente, l'interessato, intervistato dalla redazione di Roncade.it

Signor Breda, ce la facciamo a chiarire una volta per tutte cosa è davvero successo?

Tutto è iniziato già alcuni anni fa, quando ho cominciato a chiedere maggiore visibilità, cioè che fossero intraprese iniziative opportune per portare a conoscenza della popolazione le funzioni del difensore civico. Cosa sulla quale ho insistito anche nella relazione annuale fatta al consiglio comunale nella primavera del 2002.

Risposte ne ha avute?

Si: Sartor mi ha invitato a scrivere un intervento che poi sarebbe stato pubblicato nel notiziario del Comune.

E invece?

E invece nel giornale mi trovo stampato l'articolo dello statuto che tratta del difensore civico. Del mio scritto neppure una riga. Allora sono andato da lui e gliene ho chiesto il perchè.

La risposta qual'è stata?

Testuale: "nel mio giornale posso o no scrivere quello che voglio?"

Lei ha replicato in qualche modo?

Cosa vuoi replicare davanti a una risposta così... Non mi è andata giù, non è stato un comportamento democratico. Gli ho detto: con te ho chiuso.

Non sarà mica stato un fulmine a ciel sereno. Ci saranno stati prima altri motivi di attrito...

Probabilmente mi sono occupato di cose che hanno dato fastidio.

Ad esempio?

Mah, potrei parlare delle mie insistenze per far spostare a Biancade la sede della Guardia Medica, dato che a Roncade si trovava in un luogo inaccessibile per i portatori di handicap. Dopo sei mesi che ci lavoravo sopra, coinvolgendo anche la Regione, ho scoperto che c'era un altro amministratore che si stava occupando della stessa cosa. Ci siamo scontrati, mi sono sentito dire che mi stavo arrogando poteri che non mi spettavano. Comunque per me su questo ci si poteva mettere una pietra sopra.

Ma intanto il rapporto si era guastato

Sì e alla fine si è rotto. Però non direi proprio che si è trattato di futili motivi.