TITO2.jpg (4360 bytes)
   

Bella

ciao

   
BELLAC.jpg (14946 bytes)
         
Il 25 aprile è stata una giornata bellissima, quest'anno, anche a Roncade
  

 

25 aprile 2003

No a qualsiasi ipotesi di porre sullo stesso piano chi lottava per liberare l'Italia dai fascisti e dagli invasori e chi, invece, si era schierato dalla parte della Repubblica Sociale, perchè i morti sono uguali ma soltanto dopo morti.

25A6.jpg (25528 byte) Su questo hanno concordato i relatori intervenuti a "Bella ciao", una giornata promossa dall'Istituto per la Storia della Resistenza e della società Contemporanea (Istresco), con il patrocinio del Comune di Roncade, per ricordare quattro ragazzi uccisi a Roncade dai fascisti durante la lotta di liberazione.

Al microfono si sono succeduti il sindaco di Roncade, Ivano Sartor, lo storico Francesco Scattolin (a sinistra) ed il segretario dei Ds di Roncade, Pietro Daniel, che, dopo aver letto un suo breve intervento (preleva il testo in formato word) ha consegnato ai familiari delle vittime giunti per l'occasione quattro targhe ricordo della manifestazione.

La mattinata si è aperta con la deposizione di un omaggio floreale davanti alla lapide sul luogo in cui fu ucciso Ugo Rusalen, accanto alla chiesa, dove, nella notte, una mano anonima aveva già sistemato una rosa rossa. Presenti, oltre alla sorella, Ada Rusalen, i figli di Francesco Canella, Gabriella e Sergio, nipoti anche di Enrico Martini, e Lisi e Guido Mazzon, fratelli di Luigi, tutti uccisi dai fascisti nel 1944 a Roncade. Numerosi anche alcuni parenti di seconda generazione ed amici.

Grande attenzione e commozione anche allo spettacolo di poesia e musica seguito subito dopo, a cura degli attori Sandro Buzzatti (fotografia a lato) e Anna Orlando e del musicista Nelso Salton.

Sono stati interpretati testi di Egidio Meneghetti, La Prtigiana Nuda e di Luciano Caniato, El mondo-quel cin de sput, ispirati a vere storie di partigiani. Quindi un racconto breve, dal titolo Ugo, ispirato alla vicenda di Ugo Rusalen (preleva il testo in formato word).

E' stato anche realizzato un video amatoriale del tutto, interventi e spettacolo. Chi ne desiderasse una copia in Vhs può richiederla con una e-mail a roncade.it

SANDROB.jpg (18679 bytes)

  
25A7.jpg (41202 byte) Per i familiari dei caduti è stato anche possibile incontrare alcuni dei testimoni oculari che hanno assistito alle esecuzioni dei congiunti; altri, inoltre, hanno fatto presente ai rappresentanti dell'Amministrazione Comunale presenti il loro desiderio di porre una lapide negli altri punti del paese in cui i fascisti uccisero i loro padri o fratelli.

L'impegno ribadito dagli organizzatori è di riproporre un incontro di questo tipo tutti gli anni per ricordare anche gli altri partigiani non menzionati in questa occasione e per i quali è necessario procedere a ricerche più approfondite.

ALCUNI CENNI STORICI

I partigiani celebrati il 25 aprile 2003 sono Ugo Rusalen, 22 anni, di Motta di Livenza, Francesco Canella, 27 anni, di Treviso, Francesco Martini, 27 anni, di Treviso e Luigi Mazzon, 22 anni, di San Cipriano.

Rusalen fu catturato il 6 novembre 1944 a San Biagio mentre, partito in bicicletta da Cessalto, era diretto a Treviso con altre tre giovani. Partigiano democristiano, era ricercato dai nazifascisti per le sue attività a fianco di Giovanni Girardini, anch'egli di Motta, impiccato a Oderzo il 12 ottobre.

Rusalen fu portato a Roncade e fucilato vicino alla chiesa, dove c'è una lapide, l'11 novembre 1944.

Quello stesso giorno i fascisti fucilarono anche Canella e Martini, arrestati qualche giorno prima in via Montiron.

Tutto questo per una rappresaglia dovuta all'uccisione, per mano partigiana, di tre fascisti tra cui il maggiore Giuseppe Carrer, di Roncade.

Luigi Mazzon fu ucciso invece il 30 dicembre all'osteria "Ziggiotti", a Ca' Tron. Il suo corpo fu portato dalle Brigate Nere a Quarto d'Altino e legato ad un palo, in centro, dove rimase per due giorni.

Altre immagini della giornata

Queste ed altre fotografie sono disponibili presso "Fotofobia", Roncade, via Roma 105. tel.0422 842160

25A1.jpg (32444 byte)

25A2.jpg (58326 byte)

Anna Orlando e Sandro Buzzatti Sandro Buzzatti e Nelso Salton
 

25A4.jpg (34355 byte)

25A5.jpg (32864 byte)

Guido e Lisi Mazzon ricevono la targa da Pietro Daniel Consegna della targa a Sergio e Gabriella Canella
 

25A3.jpg (47202 byte)

25A8.jpg (49798 byte)

Ada Rusalen con Pietro Daniel, Francesco Scattolin e Ivano Sartor I parenti dei caduti accanto alla lapide di Ugo Rusalen